Ultime notizie

18 Giugno 2024

JLL: uffici, il modello ibrido è sempre più rilevante (Video)

di Red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

JLL ha presentato la ricerca "Exploring Italy Office Occupier Trends" che ha coinvolto società nazionali e multinazionali con headquarter italiano basato a Milano e con una seconda sede a Roma.

Come confermato dall'andamento del take-up di Milano e Roma, la domanda di spazi a uso ufficio si mantiene dinamica. 

A livello dimensionale, nei prossimi tre anni, il 30% delle società intervistate cercherà uffici con superfici maggiori, mentre circa il 40% punterà a spazi più piccoli, in edifici ESG compliant situati in zone centrali e/o aree ben collegate, una tipologia di prodotto di cui mercati come Milano e Roma hanno una disponibilità significativamente scarsa rispetto alla domanda. La restante quota non prevede modifiche in termini dimensionali o non ha ancora una strategia definita.

L'ottimizzazione dei costi e il ripensamento degli investimenti saranno tra le principali sfide per la maggior parte degli Occupier, ma la riduzione degli spazi non risulta essere la prima risposta a queste esigenze, quanto più parte di una strategia più ampia, legata a temi organizzativi, obiettivi ESG e posizionamento

Il modello ibrido spicca come predominante tra le aziende intervistate, in quanto punto di integrazione tra lavoro in presenza e da remoto. L'ufficio fisico resta essenziale per la collaborazione e per garantire un'ottimale gestione e sviluppo delle risorse, oltre a facilitare la diffusione della cultura aziendale. Il 74% delle società incoraggia i propri dipendenti a recarsi regolarmente in sede e più della metà dichiara un utilizzo dei propri spazi di oltre il 60%, con valori significativamente più alti rispetto alla media globale.

Oggi le aziende riconoscono sempre di più l'importanza di integrare i principi ESG nelle proprie strategie. Per raggiungere obiettivi legati alla riduzione dell'impatto ambientale, il 55% delle società dichiara di voler investire in soluzioni tecnologiche. Circa il 70% delle aziende intervistate considera la tecnologia adattiva come uno dei mezzi più efficaci per ottimizzare i costi e migliorare l'esperienza dei dipendenti quando lavorano da remoto.

Luca Villani, Head of Occupiers Services & Work Dynamics di JLL Italia: "In linea con l'andamento del take-up a Milano e Roma, i risultati dello studio confermano la centralità dell'ufficio nei modelli ibridi. L'adozione di questi modelli non sta, infatti, comportando una significativa riduzione delle superfici, quanto più la necessità di occupare spazi che rispondano alle nuove esigenze dei lavoratori e alla strategia aziendale, ad esempio in termini di obiettivi ESG. Oggi, le aziende investono sempre di più in soluzioni tecnologiche e sostenibili e cercano uffici che consentano di massimizzare l'utilizzo degli spazi e di ottenere un'ottimizzazione dei costi". 

Stefania Campagna, Head of Markets di JLL Italia: "Rispetto ad altri contesti del panorama internazionale, in Italia la domanda si mantiene piuttosto dinamica, sostenuta da un importante tasso di rientro in ufficio e di utilizzo degli spazi. Gli Occupier cercano uffici di alta qualità, in location connesse e servite, ma l'offerta limitata in città quali Milano e Roma rappresenta una sfida importante, in cui i progetti di rigenerazione e sviluppo urbano svolgeranno un ruolo fondamentale nel ridefinire il tessuto immobiliare".

Guarda la videointervista a Stefania Campagna, JLL

Guarda la videointervista a Luca Villani, JLL

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest