Ultime notizie

21 Aprile 2023

Assimpredil Ance, cantiere mobilità: proposte per una Milano sostenibile

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

“A Milano mancano 89.000 posti auto ogni giorno e 34.500 ogni notte”. A evidenziarlo Assimpredil Ance che, in vista della redazione del nuovo Piano Urbano Parcheggi, ha effettuato una ricognizione del fabbisogno di spazi per la sosta delle autovetture alla luce delle evoluzioni della mobilità urbana.

Dal confronto tra Associazione, esperti del settore e Comune di Milano, contemperando le esigenze della qualità urbana con la funzionalità della mobilità e della sosta, anche alla luce delle criticità registrate nelle esperienze dei precedenti interventi realizzativi e di quelle derivanti dall’attuale congiuntura economica, Assimpredil Ance vuole proporre alcune soluzioni in termini di nuove realizzazioni di parcheggi:

  1. Superando la logica del vecchio Piano Parcheggi, si propone la individuazione non più di aree puntualmente identificate per la realizzazione della struttura di parcheggio, ma di “areali di fabbisogno” entro i quali vi sia libertà di proposta di intervento da parte degli operatori (gli 88 NIL in cui il Piano dei Servizi ha suddiviso la città);
  2. Si propone, inizialmente, la individuazione di poche localizzazioni che permettano di testare i nuovi criteri e che consentano di disegnare un modello che possa essere riproposto successivamente in altre realtà. A tal fine, si è proposta una griglia di valutazione dei progetti, una cosiddetta matrice criteriale, che l’Amministrazione potrebbe utilizzare per valutare la congruità dell’intervento sotto l’aspetto urbano, sociale, ambientale;
  3. Si sono, infine, esaminate le possibilità che si possono ricavare dal vigente PGT di Milano al fine di realizzare strutture di parcheggi su aree a pertinenza diretta o a pertinenza indiretta, o anche utilizzando la disciplina delle aree ed edifici dismessi.

Regina De Albertis, Presidente Assimpredil Ance: “La sostenibilità è un obiettivo che caratterizza le attività dell’Associazione e il tema della mobilità e della sosta è centrale per la città di Milano. Per questo, abbiamo da più di un anno costituito un gruppo di lavoro interdisciplinare con esperti esterni, guidato dal prof. Arch. Gian Paolo Corda, che ha contribuito all’approfondimento sugli spazi per la sosta. Lo studio ne ha confermato la carenza e ha dimostrato come alla riqualificazione del paesaggio urbano possa dare un contributo decisivo la realizzazione di parcheggi destinati ai residenti e al traffico operativo mediante la contestuale eliminazione della sosta su strada.

Oggi vogliamo offrire all’Amministrazione Comunale le riflessioni, i suggerimenti e le proposte che, partendo dallo studio Cantiere Mobilità, abbiamo svolto in un continuo, proficuo confronto con l’Assessora alla Mobilità del Comune di Milano, Arianna Censi e con i suoi dirigenti, che ringrazio per la disponibilità sempre dimostrata.

Milano grazie alla sua Amministrazione, alla imprenditività dei suoi operatori, alla voglia di fare dei cittadini, può certamente sperimentare nuovi percorsi e nuovi processi: credo che mai come ora il rapporto pubblico/privato possa essere decisivo, alla luce anche di quel concetto di fiducia e trasparenza reciproca che, nel rispetto dei rispettivi ruoli, il nuovo codice dei contratti, ad esempio, pone a fondamento, per fare di Milano una città moderna, accogliente, organizzata”.

Attilia Albanese, Consigliere Delegata di Assimpredil Ance a mobilità e sosta: “La situazione di Milano è sotto gli occhi di tutti: il fabbisogno significativo di posti auto per residenti e operatori con la conseguente gran quantità di auto che non possono trovare adeguato ricovero per la sosta; la necessità di assicurare spazi adeguati alla mobilità dolce per biciclette e monopattini, allo stazionamento di dehors ed alla fruizione sociale. Per questo, il ricovero delle auto nel sottosuolo consentirebbe di ripensare alla sistemazione del suolo con l’obiettivo di una riqualificazione del paesaggio urbano, come molte esperienze, sia a Milano sia in altre realtà nazionali ed estere, molto efficacemente dimostrano”.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital