Ultime notizie

22 Marzo 2023

Palermo: Demanio con Comune e Università per la rigenerazione degli immobili pubblici

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Al via le attività di razionalizzazione, valorizzazione e riqualificazione del patrimonio immobiliare pubblico di Palermo grazie agli accordi siglati dall'Agenzia del Demanio con il Comune e l'Università degli Studi. 

Il Direttore Alessandra dal Verme ha firmato con il Sindaco Roberto Lagalla un’intesa che consolida i rapporti di collaborazione istituzionale per la promozione e lo sviluppo di iniziative di razionalizzazione degli spazi in uso alla pubblica amministrazione centrale e di rigenerazione del patrimonio statale e comunale di Palermo, con il non secondario scopo di rifunzionalizzare le aree in cui si trovano i beni, in coerenza con le previsioni di sviluppo urbano del capoluogo siciliano.

Un primo portafoglio immobiliare oggetto delle iniziative e delle attività comprende l'Ex Palazzo delle Finanze, l'ex Palazzina Vespri, le Cisterne Nervi e l'ex Chimica Arenella dove il Sindaco e il Direttore dell'Agenzia hanno effettuato un sopralluogo. 

L'Agenzia sarà impegnata, anche con il supporto tecnico della Struttura per la Progettazione, ad avviare un'attività di pianificazione e sviluppo degli immobili pubblici disponibili per rispondere in modo razionale ed efficiente ai fabbisogni del territorio e della logistica delle PA  e ad attuare un'attenta verifica amministrativa per consentire la riduzione della spesa pubblica tenuto conto dell'esigenza di liberare gli immobili attualmente oggetto di locazioni particolarmente onerose per lo Stato. 

L'Agenzia fornirà inoltre il supporto tecnico necessario al Comune per velocizzare la definizione dell'eventuale nuova destinazione d'uso degli immobili, svilupperà concept/masterplan propedeutici alla valorizzazione dei beni, prevedendo anche l'intervento di privati o di fondi di investimento specializzati.

Il Direttore dal Verme ha poi incontrato il Rettore dell'Università degli Studi di Palermo Massimo Midiri con cui ha sottoscritto un Accordo Quadro per l'avvio di un rapporto di collaborazione a carattere scientifico di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per la transizione ecologica e circolare di interventi sugli immobili pubblici, oltre ad attività di ricerca e monitoraggio, di raccolta, analisi e studio dei dati relativi alla gestione del patrimonio dello Stato. Obiettivo prioritario sarà ideare, sviluppare e implementare iniziative che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi dell'Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, del Green Deal europeo e del PNRR e alla valorizzazione di edifici e aree in disuso per finalità turistico ricreative e la realizzazione di poli museali basati su concept innovativi che valorizzino le potenzialità del digitale.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest