Ultime notizie

24 Gennaio 2024

RE/MAX, residenziale Usa: calo stagionale a fine 2023, segnali positivi per il 2024 (Report)

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Il mercato immobiliare residenziale americano chiude il 2023 registrando quella che ormai viene considerata una “tradizionale riduzione stagionale delle attività” che, generalmente, caratterizza la fine dell'anno. Non a caso, dall’analisi delle 52 aree metropolitane prese in esame dall’USA Market Housing Report elaborato da RE/MAX a dicembre 2023 si evidenziano molte similitudini con l’andamento di dicembre 2022.

In particolare, tre metriche non hanno registrato variazioni anno su anno:

-le abitazioni in vendita sono rimaste sul mercato in media per 47 giorni, sette in più rispetto a novembre 2023;

-le compravendite hanno ottenuto in media il 98% del prezzo richiesto, dato in linea con l'anno precedente, ma leggermente inferiore al 99% di novembre 2023;

-l'andamento di vendita media mensile è stato di 2.5, in lieve calo rispetto al 2.6 registrato a novembre 2023.

Altre metriche degne di nota emerse dal Report di RE/MAX relativo ai dati di dicembre 2023:

-le transazioni sono diminuite del 7,3% anno su anno e del 2,3% rispetto a novembre 2023;

-l’offerta è scesa dello 0,7% rispetto a dicembre 2022, segnando un calo del 10,4% rispetto a novembre 2023. Negli ultimi sette mesi del 2023 l’offerta ha sempre registrato una diminuzione anno su anno.

Inoltre, nelle 52 aree metropolitane esaminate a dicembre 2023, due metriche hanno registrato incrementi anno su anno:

-le nuove inserzioni sono aumentate del 2,7%, segnando tuttavia una diminuzione del 24,3% rispetto a novembre;

-il prezzo mediano di vendita di $400.000 è stato superiore del 3,9% (+ 15.000 dollari) rispetto a dicembre 2022, ma inferiore del 1,2% rispetto a novembre 2023.

Nick Bailey, Presidente e CEO di RE/MAX: "Per il 2024 si delineano prospettive positive per il mercato immobiliare. Nonostante le sfide legate agli elevati tassi di interesse e alla carenza di offerta che hanno caratterizzato il 2023, i dati di dicembre rivelano segnali incoraggianti per l’anno appena iniziato. Il possibile aumento della costruzione di nuove abitazioni e la diminuzione dei tassi, potrebbero dare nuova fiducia al mercato e spingere i compratori a esplorare nuove opportunità. Inoltre, nutriamo fiducia nella presenza di una domanda ancora inespressa, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione”.

Intanto, le richieste di nuovi mutui hanno registrato un altro deciso aumento settimanale, nonostante il lieve rialzo dei tassi d'interesse: nella settimana iniziata il 15 gennaio, le richieste totali sono aumentate del 3,6% rispetto ai sette giorni precedenti, secondo i dati della Mortgage Bankers Association. Il tasso d'interesse medio su un mutuo fisso a 30 anni è salito dal 6,75% al 6,78%; a meta' ottobre, era sopra l'8%.

Le domande per rifinanziare un mutuo per la casa sono diminuite del 7% rispetto alla settimana precedente, per un ribasso dell'8% rispetto a un anno prima; le domande per i mutui per comprare casa sono aumentate del 7,5%, ai massimi da aprile, ma restano in calo del 18% rispetto a un anno prima.

Scarica l’allegato.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi