Ultime notizie

30 Maggio 2024

Carron inaugura due RSA in Toscana

di Red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Inaugurate a Castelfiorentino le due RSA Mario Cappelli e Mario Cioni

160 posti letto in totale

Sono state inaugurate a Castelfiorentino due nuove RSA, chiamate rispettivamente Mario Cappelli e Mario Cioni, progetto che porta la firma dell'azienda veneta Carron Spa in veste di sviluppatore dell'intervento e attualmente anche proprietaria del complesso. A gestire le unità è invece la Società Cooperativa Sociale Universiis di Udine. Il partner finanziario, nonché futuro acquirente dell'immobile, è rappresentato dal Fondo Francese Lifento.

I lavori, durati circa sedici mesi per un investimento complessivo di diciotto milioni di euro, si sono sviluppati su una superficie pari a diciassettemila metri quadrati in un'area del Comune situata nella parte sud del centro abitato e compresa tra via M. Alicata, via Sant'Antonio, via Machiavelli, via Profeti, Via S. Pertini e la SP4.

Il risultato è un complesso composto due strutture capaci di ospitare 160 persone (80 ciascuna) realizzate su 8.000 mq complessivi con spazi cucina e lavanderia condivisi. Finiture e arredi rispondono agli standard qualitativi dell'hotellerie mentre il livello delle dotazioni sanitarie è assimilabile a quello ospedaliero. Per le due RSA è in corso l'iter autorizzativo per il convenzionamento con il Sistema Sanitario secondo le regole previste dalla Regione Toscana.

Importante anche la ricaduta occupazionale che il progetto stimola sul territorio toscano con 120 persone in via di assunzione.

Diego Carron, presidente Gruppo Carron: "Celebrare il compimento di un progetto è per noi sempre motivo di soddisfazione. Quando questo momento coincide con l'inaugurazione di una RSA, la gioia e l'emozione aumentano perché se da un lato c'è la contezza di un complesso edilizio terminato, dall'altro c'è la consapevolezza che inizia una nuova sfida per il gestore con il complesso pronto ad accogliere tante persone anziane, spesso non più autosufficienti, che meritano le nostre attenzioni e i nostri investimenti. In più, opere come questa di Castelfiorentino che vanno a soddisfare una esigenza di interesse pubblico sono un esempio di collaborazione fra Ente Pubblico e privato che se verificata la fattibilità e la sostenibilità economica finanziaria per il privato, porta beneficio anche a tutta la comunità".

"Questo nuovo complesso sociosanitario, formato da due RSA - osserva il Sindaco Alessio Falorni - è sicuramente uno dei più importanti investimenti privati a Castelfiorentino negli ultimi decenni, e in base all'intesa raggiunta con il Comune sarà data priorità nelle assunzioni, a parità di competenze, al personale residente a Castelfiorentino e, in difetto, a quello residente in uno dei Comuni dell'Empolese Valdelsa. Lo stesso criterio sarà adottato per le forniture e le manutenzioni, venendo così a rappresentare con il tempo un valore aggiunto anche in termini di indotto. Oltre all'ampia disponibilità di posti letto, che per dimensioni non ha eguali nella nostra area, questo complesso potrà offrire anche prestazioni domiciliari, in un'ottica di flessibilità e di integrazione con i nostri servizi sociosanitari che sarà molto utile alla popolazione anziana e alle famiglie del nostro territorio. Un ultimo pensiero mi sia consentito di esprimere sul fatto che queste strutture saranno intitolate rispettivamente a Mario Cappelli e Mario Cioni, che tanto hanno dato alla comunità di Castelfiorentino. Una sala conferenze sarà infine dedicata a Silvano Barsottini, un imprenditore che ha fatto la storia economica del nostro territorio".

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest