Ultime notizie

24 Marzo 2022

Coima con Apollo acquista 11 immobili da Fondazione Enpam

di E.I.

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Coima Sgr ha raggiunto un accordo con primari investitori istituzionali italiani e internazionali per l’acquisizione di un portafoglio composto da undici immobili a Roma e Milano, per un totale di circa 75.000 mq e oltre 300 milioni di euro.
 

Gli immobili facevano precedentemente parte di un più ampio portafoglio della Fondazione Enpam la quale, nell’ambito del riassetto generale della propria struttura patrimoniale, ha promosso una procedura competitiva per la cessione degli stessi aggiudicata nel 2021 ad alcuni fondi gestiti da Apollo Global Management. Quest’ultima ha successivamente designato Coima Sgr al fine di subentrare nell’acquisizione di una parte del portafoglio aggiudicato, pari a circa un terzo del totale.
 

L’operazione è stata finalizzata attraverso veicoli gestiti da Coima per conto di primari investitori istituzionali italiani e internazionali di lungo termine.
 

Il neo costituendo fondo Porta Nuova Liberazione, interamente sottoscritto da primari investitori istituzionali, ha acquisito una parte del portafoglio composta da un intero isolato formato da immobili a uso misto (uffici 56%, residenziale 30%, hotel 9%, car park 5%) nel quartiere milanese di Porta Nuova, in particolare nel quadrilatero tra via Viviani, via Bordoni, via Adda e via Cornalia.
 

Gli immobili acquisiti si integreranno nel programma di rigenerazione urbana di Porta Nuova Gioia dove Coima sta sviluppando, per oltre 300.000 mq complessivi e un valore a regime superiore a 1 miliardo di euro, sette progetti incluso Pirelli 32, immobile recentemente acquisito da un fondo gestito da Generali Real Estate Sgr.

Una seconda porzione di portafoglio è stata rilevata da un altro fondo gestito da Coima, investito da primari investitori nazionali. Questa acquisizione riguarda un immobile in via Ripamonti, nell’area dello Scalo di Porta Romana, a Milano, noto per essere stato la sede del Provveditorato agli Studi, che sarà ristrutturato per adeguarlo ai più elevati standard internazionali per edifici direzionali.

In Porta Romana, Coima sta partecipando assieme a Covivio e Prada Holding all’operazione di rigenerazione urbana dell’ex scalo ferroviario che si estende per una superficie di circa 190.000 mq. Nell’area, Coima è presente con investimenti per oltre 1 miliardo di euro che oltre al progetto dello scalo riguardano edifici in Via Ripamonti 85, Lorenzini 4, 8, 10, 12 e Viale Isonzo 25. Nel complesso di Via Lorenzini, sede del Gruppo Boehringer Ingelheim Italia fino alla fine del 2021, Coima avvierà un processo di riqualificazione volto a sviluppare un nuovo immobile terziario di Classe A.

Un’ultima parte di portafoglio, costituita da due immobili a destinazione uffici situati nel Central Business District di Roma, oltre a due immobili a destinazione prevalente uffici e un hotel a Milano (uffici 83%, residenziale 3%, retail 1%, hotel 13%), è stata acquisita dal neo costituito Coima Thalia Fund, interamente sottoscritto da fondi gestiti da Apollo. Il fondo diviene operativo con il closing di questa operazione con un valore iniziale di 60 milioni di euro e un target di oltre 80 milioni di euro.

Gli immobili del fondo, sviluppati su circa 36.000 mq, saranno oggetto di una riqualificazione che porterà a un miglioramento energetico.

L’acquisizione è stata finanziata da Goldman Sachs Bank Europe SE, con Trimont Real Estate Advisors in qualità di banca agente, e da Natixis S.A, con Société Générale in qualità di banca agente.

Nell’operazione, Coima Sgr è stata affiancata da BIP e Yard REAAS per le due diligence.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest