Ultime notizie

5 Dicembre 2023

Crediti NPL: A-Zeta acquista il ramo legale di Officine CST

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

A-Zeta, gruppo attivo nel settore della data investigation e full credit servicer indipendente che opera nella gestione dei crediti deteriorati in tutti gli asset class, ha sottoscritto un accordo per l’acquisizione del ramo legale di Officine CST, parte del gruppo Cerberus Capital Management, focalizzata nella gestione di crediti performing e non-performing derivanti da forniture verso pubbliche amministrazioni, mercati retail e corporate, da procedure concorsuali e crediti NPL.

L’accordo vede coinvolti circa 50 avvocati del Master Legal di Officine CST che andranno a formare una nuova Business Unit legale in A-Zeta Info&Collection, permettendo così al Gruppo di offrire al mercato l’intera filiera della collection, dalle informazioni commerciali alla fase investigativa e, di seguito, al recupero stragiudiziale e giudiziale.

Il Gruppo conta ora contare su 200 dipendenti ed una rete di 150 professionisti, proiettando A-Zeta verso un fatturato di circa 20 milioni di euro entro la fine del 2024.

Carmine Evangelista, CEO di A-Zeta: “L’accordo sottoscritto è per A-Zeta Info&Collection un tassello strategico di fondamentale importanza per poter offrire e stimolare i nostri clienti con soluzioni sempre più customizzate, costruite a partire dall’ascolto dei bisogni e perfezionate grazie alle competenze maturate lungo tutta la filiera, a partire dal business storico a cui oggi abbiamo aggiunto una parte importante”.

Paolo Gesa, CEO di Officine CST: “Per Officine CST l’operazione si inquadra nell’ambito della focalizzazione su attività maggiormente core, in particolare viene completato il processo di trasformazione da puro servicer a boutique d’investimento, specializzata in crediti verso la Pubblica amministrazione, verso le procedure concorsuali e nei crediti fiscali”.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Immobili all’asta: le procedure aumentano per la pr