Ultime notizie

17 Giugno 2024

Coima: Prosegue lo sviluppo di Porta Nuova, canoni aumentati oltre il 30%

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Coima Sgr ha presentato lo stato di avanzamento del progetto di Porta Nuova a Milano.

Il settore a nord adiacente a Via Melchiorre Gioia vede il completamento di Pirelli 35, ex sede di Telecom Italia interamente riqualificata, e delle strutture della Torre Est dei Portali. Entrambi gli edifici sono già locati: ad oggi oltre il 60% dei 33 mila mq di superficie commerciale è già stato locato con previsione di raggiungere la piena occupazione dell’immobile entro fine anno. Gli spazi della Torre Est dei Portali sono invece stati locati già dal 2022 a KPMG che, a lavori ultimati, ne farà la propria sede principale a Milano per 3.500 collaboratori.

Si è da poco concluso lo sviluppo di torre Gioia 22, sede per Intesa Sanpaolo della nuova Isybank e delle tre divisioni Private (Fideuram - Intesa Sanpaolo Private Banking), Asset Management (Eurizon), Insurance (Intesa Sanpaolo Vita).

Con i contratti di locazione firmati nell’ultimo anno, il quartiere di Porta Nuova raggiunge un’occupancy del 100% degli spazi disponibili e conferma i livelli del prime rent milanese per quanto riguarda il mercato degli uffici: una crescita superiore del 20% rispetto a quella registrata dal prime rent nell’ultimo decennio e del 32% rispetto al 2019 (pre-Covid).

Porta Nuova registra annualmente oltre 50.000 mq di transazioni di locazione che rappresentano ca. il 20% delle transazioni a Milano. La domanda attesa in Porta Nuova nel periodo 2024–2027 supera i 220mila mq complessivi, a fronte di nuovi sviluppi disponibili nello stesso periodo di riferimento pari a ca. 100mila mq, generando un gap di offerta di oltre 120mila metri quadri. Tale gap di offerta avrà il duplice effetto di mettere ulteriore pressione sui canoni di locazione che proseguiranno il trend di crescita, soprattutto in relazione alla scarsità di nuovi comparti per nuovi progetti di sviluppo.

Il quartiere di Porta Nuova registra oggi una diversificazione dei settori merceologici di riferimento, con la presenza di diverse industries: Digital & Tech 25% (15% nel 2019), Financial Services 36% (40% 2019), Fashion 18%, Food & Beverage 4%, Farmaceutica 4%, Altro 13%,

Con un tempo medio di affitto inferiore ai 7 mesi, più basso rispetto alla media del comparto (12 mesi), il quartiere si conferma tra le destinazioni più attrattive per le principali società nazionali e internazionali attive nel Paese. Porta Nuova ha raggiunto la piena occupazione rispetto a un tasso di sfitto a Milano pari a ca. il 9% e di ca. il 3% per immobili di qualità Grado A. 
 

Manfredi Catella, Founder e Ceo di Coima: “Porta Nuova è un quartiere che contribuendo a collegare Brera, Isola e lo storico centro direzionale della città di Milano è diventato uno dei maggiori hub di mobilità intermodale del Paese. La qualità degli edifici realizzati nel tempo, con un’attenzione particolare alle prestazioni energetiche allineate ai target del trattato di Parigi, unitamente alle attività di servizio e culturali sviluppate con il progetto civico della Biblioteca degli Alberi, ha contribuito a rendere Porta Nuova la destinazione principale per le aziende italiane e internazionali.
I contratti di locazione finalizzati post Covid, per oltre 70.000 mq, hanno sostanzialmente completato gli spazi a uso ufficio attualmente disponibili in Porta Nuova, registrando una crescita dei canoni fino ad oltre il 30% rispetto ai livelli Pre Covid”.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest