Ultime notizie

27 Ottobre 2023

ARECneprix e Finint Investments lanciano il Fondo Olympus

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

ARECneprix e Finint Investments hanno dato il via ad un nuovo fondo mobiliare ad apporto, l’Olympus Fund. Un prodotto dedicato alla valorizzazione di crediti, anche leasing, garantiti da immobili e alla gestione di asset real estate.

Al primo closing, il fondo conta crediti, immobili e leasing per un GBV (Gross Book Value) complessivo di circa 2 miliardi di euro.

Finint Investments ha istituito e gestisce il Fondo che vede quali primi quotisti Unicredit (52%) e illimity Bank (48%). Il periodo di investimento si chiuderà il 31 dicembre 2025, data entro la quale - previo ottenimento da parte di Consob del nulla osta alla commercializzazione - ulteriori investitori istituzionali potranno apportare note di cartolarizzazioni, crediti e asset immobiliari di qualità coerente con la strategia del Fondo.

Banca Finint è Master Servicer, Corporate Servicer del veicolo di cartolarizzazione e della Leasco, Calculation Agent nonché Fronting Bank delle operazioni di cartolarizzazione in cui ha investito il Fondo.

La principale caratteristica di Olympus Fund è la composizione degli asset in gestione, prevalentemente UTP e leasing, garantiti da asset immobiliari di pregio e riferibili a singole posizioni sia di grandi dimensioni che di taglio medio, in modo da stabilizzare i flussi generati dal Fondo.

Andrea Battisti, CEO e Founder di ARECneprix: “Per tematiche operative sono stati costituiti due fondi mobiliari ad apporto, Olympus Fund 1 e Olympus Fund 2, con caratteristiche e struttura fortemente similari, e gli stessi attori coinvolti da asset immobiliari di qualità. Con questa operazione, ARECneprix raggiunge una massa di attivi in gestione pari a circa 11 miliardi di euro, di cui il 34% per conto terzi.”.

Mauro Sbroggiò, Amministratore Delegato di Finint Investments: “L’istituzione di Olympus risponde alla necessità del sistema bancario di dotarsi di uno strumento di gestione professionale di crediti UTP con sottostante immobiliare, che richiedono una struttura ed un approccio di gestione flessibile. L’impostazione del Fondo quale piattaforma aperta potrà consentire una ulteriore futura crescita dimensionale rispetto alle masse in gestione in sede di avvio attività”.

ARECneprix è stata supportata da Cappelli RCCD per gli aspetti legali e di struttura; illimity è stata assistita da Cappelli RCCD per gli aspetti legali e da PwC Deals per gli aspetti finanziari; Unicredit è stata supportata da EY per gli aspetti finanziari e da White&Case per gli aspetti legali; Banca Finint è stata supportata da Cappelli RCCD per gli aspetti legali relativi al suo ruolo di Master Servicer, Sponsor e Fronting Bank.

Si parla di:

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital