Ultime notizie

24 Ottobre 2023

Savills: volumi del mercato degli uffici a picco nel III trimestre 2023 (Report)

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Scende dell’89% nel terzo trimestre 2023 rispetto all’anno precedente il valore complessivo dei volumi del mercato degli uffici. Secondo il report di Savills “Italian office spotlight”, sono state registrate 26 transazioni, tutte al di sotto dei 100 milioni di euro, con un mercato relativamente liquido fino a un volume di 50 milioni di euro, soglia oltre la quale è stata registrata una sola transazione nel trimestre.

Milano si conferma come la destinazione più ambita per gli investitori, anche se in misura minore rispetto all’andamento degli ultimi anni. Nei primi nove mesi dell'anno sono state perfezionate 12 transazioni situate sia in aree centrali sia periferiche della città, per un totale di 310 milioni di euro.

I mercati regionali come Torino, Reggio Emilia e Napoli hanno registrato una buona performance, con nove transazioni per un totale di circa 100 milioni di euro. A Roma, i volumi hanno rallentato significativamente su base annua (-93%), anche se il numero di transazioni è rimasto stabile con sette operazioni per un totale di circa 37 milioni di euro.

Per la prima volta negli ultimi tre anni, sono prevalsi i capitali nazionali su quelli stranieri, raggiungendo il 57% del totale tra luglio e settembre.

I rendimenti netti prime rimangono stabili rispetto al trimestre precedente al 4% a Milano e al 4,50% a Roma. Secondo le previsioni, si dovrà attendere la seconda parte del 2024 per avvertire un aumento dei volumi, sostenuti anche da una buona pipeline.

Il take-up di uffici a Milano ha registrato circa 279.000 mq nei primi nove mesi del 2023, confermando il rallentamento previsto dell'attività di locazione sia anno su anno sia rispetto alla media degli ultimi cinque anni dei primi tre trimestri. Il calo è imputabile principalmente a una carenza di prodotti di grado A che, unita a una forte domanda di asset di questo tipo e a una limitata disponibilità, ha sostenuto l'aumento dei canoni prime.

Anche il numero di transazioni è diminuito, registrando un -2,6% sui primi nove mesi dell’anno scorso, dato superiore, però, del 13% rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Entro il 2026, si prevede che sul mercato entreranno più di 875.000 mq di nuovi spazi attraverso 75 progetti, con buona parte della pipeline di natura speculativa, pari a circa 537.000 mq (61%).

Eros Chiodoni, Head of Office Leasing: “Il trend del take-up, ormai consolidato, ci conferma una riduzione nell’uso delle superfici, ma, se paragonato alla media degli ultimi cinque anni, il dato è pressoché stabile o solamente in lieve flessione. Sempre in ottica di medio termine, l’incremento del numero delle transazioni sulla media dei cinque anni precedenti testimonia un mercato della domanda ancora molto dinamico e che sempre più necessita di spazi di elevata qualità, ben collegati e serviti, nonché certificati green e rispondenti ai criteri ESG”.

Scarica l'allegato.

 

 

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi

Video Correlati