Ultime notizie

20 Dicembre 2022

Lendlease: approvato il progetto definitivo del Campus della Statale in MIND

di E.I.

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

È stato approvato con il voto del CdA dell'Ateneo il progetto definitivo del Campus scientifico in MIND - Milano Innovation District che, a partire dal 2026, ospiterà la nuova sede delle Facoltà scientifiche dell'Università degli Studi di Milano. 

La posa della prima pietra della nuova sede delle Facoltà scientifiche è prevista per l'estate 2023. Il nuovo insediamento, che ospiterà una comunità di oltre 23 mila persone tra studenti, ricercatori, docenti e personale di staff, cambierà la fisionomia dell’Ateneo milanese all'indomani del Centenario dalla fondazione, che si celebra nel 2024.

?Questa tappa del progetto Campus si compie a sette anni dall'avvio del percorso e a due anni dall’aggiudicazione dell'appalto di project finance al Raggruppamento di Imprese Lendlease Infrastructure Italy, a cui è stata affidata l'opera di progettazione, costruzione e gestione del nuovo polo. La concessione a Lendlease avrà una durata di 30 anni e 11 mesi, di cui 1 anno per la progettazione esecutiva, 3 anni di esecuzione lavori, 26 anni e 11 mesi di gestione.??

La realizzazione dell'iniziativa del progetto tramite project financing interessa un importo economico complessivo che si attesta attorno ai 338 milioni euro, di cui il contributo pubblico sarà di circa 158 milioni di euro (di questi, 135 milioni di finanziamento pubblico stanziato per la valorizzazione dell'area Expo 2015 nell'ambito del Patto per la Lombardia e 23 milioni coperti con fondi di Ateneo). Lendlease cofinanzierà la realizzazione delle opere per circa 180 milioni di euro, a fronte della corresponsione da parte dell'Ateneo di un canone annuo per disponibilità, servizi e energia di oltre 20 milioni di euro. ??

Il Campus disegnato nel progetto definitivo consentirà di razionalizzare, ottimizzare e sviluppare, secondo elevati standard internazionali, servizi e infrastrutture per la ricerca e la didattica, concentrando in un unico insediamento le competenze scientifiche multidisciplinari della Statale e favorendone l'interazione con un ecosistema orientato all'innovazione. Sono già siglati in questa prospettiva accordi di collaborazione tra Università Statale e realtà scientifiche internazionali già presenti in MIND, a iniziare da Human Technopole, il nuovo IRCCS Ospedale Galeazzi Sant'Ambrogio e Federated Innovation, un'aggregazione di aziende private leader nei settori delle life sciences e della smart city. 

?L'approvazione del progetto definitivo del Campus in MIND si conferma parte integrante di un quadro di sviluppo complessivo dell'Ateneo che comprende la progettualità strategica dell'intervento di riqualificazione e rifunzionalizzazione di Città Studi. Nella prossima estate è prevista la posa della prima pietra del Campus in MIND e l'avvio dei lavori di ristrutturazione dell'area di via Celoria 2 a Città Studi, che ospiterà il Campus dei Beni culturali, primo insediamento del Campus umanistico di Città Studi. 

?Per Città Studi resta anche la prospettiva progettuale della realizzazione  di un Polo digitale destinato alla analisi e alla conservazione dei megadati prodotti dalla ricerca in MIND e allo sviluppo di sistemi basati sull'intelligenza artificiale, oggi indispensabili per la comprensione della complessità dei sistemi biologici e delle patologie umane più complesse.

Elio Franzini, Rettore dell'Università degli Studi di Milano: "L'approvazione del progetto definitivo del nuovo Campus delle Facoltà scientifiche in MIND segna una tappa di rilievo fondamentale. Sono particolarmente orgoglioso che il nuovo insediamento possa realizzarsi in un'ottica di integrazione con il piano di rilancio di Città Studi, luogo di nascita delle nostre Facoltà scientifiche. Alla vigilia del suo Centenario, e in piena sintonia con il significato di questa ricorrenza, l'Università Statale dimostra di saper coniugare lo slancio verso il futuro e il cambiamento, che consoliderà il suo ruolo internazionale di protagonista dell'innovazione scientifica e formativa, con la valorizzazione e la salvaguardia delle proprie radici e della sua storia. Quello che ci aspetta nei prossimi anni, che non si prospettano facili, nella situazione che tutti conosciamo, è la realizzazione di un progetto di indubbia portata internazionale, di grande valore per lo sviluppo del territorio cittadino e regionale, e che, in quanto tale, non può non richiamare l'attenzione ed il supporto di tutti gli interlocutori istituzionali coinvolti".

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest