Ultime notizie

31 Maggio 2024

Pubblicato il Decreto 'Salva Casa': importanti novità per Edilizia e Urbanistica

di Red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

BLV Belvedere & Partners segnala la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Decreto-legge n. 69, denominato "Disposizioni urgenti in materia di semplificazione edilizia e urbanistica", noto come "Piano Salva Casa". Questo provvedimento introduce significative modifiche al Testo Unico Edilizia (D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380).

Il decreto prevede che le opere di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici, che non determinano la creazione di uno spazio stabilmente chiuso con variazione di volumi e superfici, rientrino nel regime di edilizia libera (articolo 6). Inoltre, per l'attestazione dello stato legittimo degli immobili, sarà sufficiente il riferimento all'ultimo titolo edilizio che riguarda l'intero immobile, inclusi i titoli ottenuti in sanatoria (articolo 9 bis).

Il mutamento della destinazione d'uso senza opere della singola unità immobiliare all'interno della stessa categoria funzionale è sempre consentito (articolo 23 ter). Per quanto riguarda gli interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali, i Comuni potranno alienare i beni e l'area di sedime acquisiti gratuitamente al patrimonio comunale a seguito dell'inottemperanza all'ordine di demolizione delle opere abusive (articolo 31).

Le sanzioni per gli interventi eseguiti in parziale difformità dal permesso di costruire saranno aumentate in caso di "fiscalizzazione" dell'abuso (articolo 34). Le tolleranze costruttive ed esecutive saranno regolate da un sistema graduale che varia tra il 2% e il 5%, sostituendo la percentuale fissa del 2% per gli interventi realizzati entro il 24 maggio 2024 (articolo 34 bis).

Infine, l'articolo 36-bis introduce una specifica disciplina per l'accertamento di conformità relativamente agli interventi realizzati in parziale difformità dal permesso di costruire o dalla segnalazione certificata di inizio attività. Per sanare tali interventi sarà sufficiente che l'intervento risulti conforme alla disciplina urbanistica vigente al momento della presentazione della domanda e ai requisiti prescritti dalla disciplina edilizia vigente al momento della realizzazione.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana: Castello SGR investe 135 milioni nel primo Nobu Hotel in Ital