Ultime notizie

19 Aprile 2023

Natixis IM: Banche centrali meno falco, ma i tassi continuano a salire

di Mabrouk Chetouane e Nicolas Malagardis - Global Market Strategy, NIM Solutions

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right

Nonostante gli eventi che hanno interessato il settore bancario statunitense ed europeo e che hanno innescato un forte sell-off nei settori finanziari, nelle ultime settimane gli asset di rischio hanno registrato buoni risultati. Ciò è stato probabilmente dovuto al pronto intervento delle banche centrali per contenere i rischi di contagio e alle rinnovate speranze che queste sospendano presto gli aumenti dei tassi di interesse.

Sebbene tutte le principali banche centrali abbiano aumentato i tassi a marzo, alcune hanno modificato il loro tono in modo da renderlo meno falco, in particolare la Federal Reserve (Fed), che ha aumentato per la seconda volta consecutiva i tassi di riferimento di 25 pb, portandoli al 4,75%-5,00%; la Banca Centrale Europea (BCE) ha aumentato i tassi di riferimento di 50 pb, portandoli al 3,00%-3,5%, e la Banca d'Inghilterra (BOE) di 25 pb, portandoli al 4,25%. Inoltre, la Banca del Giappone (BOJ) ha lasciato invariati sia il tasso di riferimento che la politica di controllo della curva dei rendimenti. Inoltre, è stato nominato un nuovo governatore, Kazuo Ueda, nomina che potrebbe avere implicazioni sulla futura politica monetaria, in particolare dal momento che l'inflazione core è ai massimi da quattro decenni.

L'inflazione headline ha iniziato a diminuire in tutti i principali Paesi, grazie ai prezzi dell'energia oggi più bassi rispetto a un anno fa, quando erano balzati nel marzo 2022 a causa dell'inizio della guerra in Ucraina. Ad esempio, l'indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti per il mese di febbraio (riportato a marzo) è sceso dal 6,3% su base annua al 6,0%, segnando l'ottavo calo mensile consecutivo. Nel frattempo, l'IPC armonizzato dell'Eurozona è sceso dall'8,9% su base annua al 6,9% il mese scorso,  e il dato principale del Giappone è rallentato dal 4,3% su base annua, , al 3,3% a febbraio. D'altro canto, dopo tre mesi consecutivi di calo, l'IPC del Regno Unito ha sorpreso per la sua risalita dal 10,1% su base annua al 10,4% in febbraio.

Tuttavia, il quadro è stato molto meno roseo se si considerano i precedenti dati sull'inflazione core, che esclude i prezzi degli alimenti freschi e dell'energia. L'IPC core statunitense si era attestato al 5,5% su base annua, invariato rispetto al mese precedente e ponendo fine alla sua striscia di quattro mesi di calo. Più preoccupanti sono stati i dati core del Regno Unito e dell'Eurozona, dove hanno raggiunto un nuovo massimo storico. L'IPC core del Regno Unito era aumentato dal 5,8% su base annua al 6,2%, mentre l'IPC core dell'Eurozona e del Giappone è passato rispettivamente dal 5,6% e dal 3,2% su base annua al 5,7% e al 3,5% a febbraio.

I recenti dati economici sono stati ampiamente positivi per tutto il mese. Il rapporto sulle buste paga non agricole di febbraio negli Stati Uniti è stato di nuovo più forte del previsto, con 311.000 unità rispetto alle 517.000 del mese precedente. I tassi di disoccupazione nei paesi dell'Eurozona sono rimasti invariati o sono leggermente diminuiti. Le indagini I dati PMI composite degli Stati Uniti e dell'Eurozona, che riflettono il clima aziendale nei settori dei servizi e dell'industria manifatturiera, sono migliorate a marzo, grazie alla solida attività nel settore dei servizi. D'altro canto, il PMI composito del Regno Unito è sceso, pur rimanendo al di sopra della soglia dei 50 punti, a causa del rallentamento dei settori manifatturiero e dei servizi. La fiducia dei consumatori ha però sorpreso in positivo, migliorando gradualmente dai minimi pluriennali dello scorso settembre (-49) a -35 in marzo.

Infine, il PMI ufficiale dei servizi della Cina si era attestato a 58,2, il livello più alto da marzo 2011, a testimonianza del fatto che la riapertura continua a svilupparsi. Allo stesso modo, dopo tre mesi consecutivi di calo, il dato combinato delle vendite al dettaglio di gennaio-febbraio è aumentato del 3,5% su base annua. Degno di nota è il fatto che, per la prima volta dall'agosto 2021, l'indice ufficiale dei prezzi delle case in Cina è avanzato su base mensile a febbraio. Inoltre, la già tenue inflazione headline e core ha subito un ulteriore rallentamento a febbraio, con il dato headline che è sceso dal 2,1% all'1,0% su base annua e quello core dall'1,0% allo 0,6% su base annua. Nonostante questo flusso di notizie favorevoli, il Presidente Xi ha avvertito che l'obiettivo di crescita del PIL del 5% per il 2023 è una sfida.

7x10

È online il nuovo numero di REview.Questa settimana:   Mutui: sempre più sotto pressione tra inflazione e r

Notizie Correlate

16x9

News

Paolo Mauri Brusa, gestore del team Multi Asset Italia di GAM (Italia) SGR

16x9

News

Gregor Hirt, Global CIO Multi-Asset di Allianz Global Investors

16x9

News

Mabrouk Chetouane, Head of Global Market Strategy e Nicolas Malagardis, Market Strategist di Natixis Investment Managers

16x9

News

Benjamin Melman, Global Chief Investment Officer di Edmond de Rothschild Asset Management

16x9

News

Greg Meier, Director, Senior Economist, Global Economics & Strategy

    Angle Left
    Angle Right