Ultime notizie

19 Gennaio 2023

Immobili green Ue, Abbadessa (Hines): l'obbligo è un autogol

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

“La direttiva europea sull’efficientamento energetico degli immobili si limita a introdurre un’imposizione normativa, senza tenere conto del fatto che intervenire oggi per adeguare il parco immobiliare esistente è anti-economico. Per raggiungere l’obiettivo ambizioso indicato dalla Commissione Europea di migliorare la prestazione energetica di tutti gli immobili residenziali entro il 2033, non basta rendere gli interventi di riqualificazione obbligatori, ma è necessario intervenire per adeguare domanda e offerta, all’interno di un mercato che da tempo considera l’efficienza energetica degli immobili come un prerequisito”. Mario Abbadessa, Senior Managing Director & Country Head - Hines Italy, commenta così la direttiva UE sull’efficientamento degli immobili.

“Il punto fondamentale -  continua Abbadessa - è quindi creare le condizioni per garantire lo sviluppo dell’offerta di immobili sostenibili, attraverso interventi sia a livello di incentivi che di semplificazione normativa, rivolti a chi costruisce e investe in immobili green. 

Ma la vera sfida che ci attende nei prossimi anni in tema di sostenibilità energetica degli edifici, è far in modo che abitare in una casa efficiente non sia un privilegio per pochi. Per questo dobbiamo iniziare a ragionare in termini di sostenibilità sociale, e non solo ambientale, e lavorare a livello di comunità per contrastare il fenomeno delle città polarizzate, caratterizzate da condizioni di vita nettamente diverse tra centro e periferia”.

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest