Ultime notizie

3 Gennaio 2023

Assoreti: raccolta novembre a 2,7 mld (Report)

di red

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

L’attività delle Reti di consulenza a novembre ha determinato una raccolta netta totale pari a 2,7 miliardi di euro (-28,5% m/m; -30,9% a/a).

Nonostante la flessione, secondo quanto emerge dai dati diffusi da Assoreti, il confronto rispetto al mese precedente evidenzia la maggiore propensione all’investimento da parte dei risparmiatori seguiti dai consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede. 

I volumi di raccolta realizzati sui prodotti del risparmio gestito, ad ottobre negativi per 45 milioni, crescono e si attestano a 1,6 miliardi di euro, valore più alto degli ultimi sette mesi. Si conferma, inoltre, l’importate flusso di risorse destinato agli strumenti finanziari amministrati, in crescita del 3,9% m/m e pari a 4,3 miliardi di euro.

Nel corso del mese di novembre sono, quindi, 5,9 i miliardi investiti tra strumenti finanziari e prodotti assicurativi/previdenziali, con un aumento del 44,6% rispetto al mese precedente. 

La crescita è in parte attribuibile al riposizionamento di risorse liquide precedentemente raccolte; il saldo delle movimentazioni su conti correnti e depositi è, infatti, negativo per 3,3 miliardi di euro.

Da inizio anno la raccolta netta si attesta a 39,6 miliardi di euro; la liquidità rappresenta solo il 7,1% del flusso totale.

Risparmio gestito

Nell’ambito del comparto la crescita coinvolge tutte le macro-famiglie di prodotto. La distribuzione diretta di quote di fondi comuni di investimento determina volumi netti per 712 milioni di euro (-391 milioni ad ottobre), pari al 43,8% delle risorse nette destinate alla componente gestita di portafoglio. Le scelte di investimento privilegiano gli Oicr aperti di diritto estero sui quali vengono realizzate sottoscrizioni nette totali per 546 milioni di euro, con l’evidente preferenza per le gestioni collettive azionarie (575 milioni). Positiva anche la raccolta realizzata sui fondi aperti italiani (35 milioni) e sui fondi chiusi (131 milioni).

La raccolta netta realizzata sulle gestioni patrimoniali individuali è positiva per 450 milioni di euro e aumenta del 43,5% m/m; la spinta alla crescita coinvolge sia le gestioni patrimoniali in fondi (Gpf) con investimenti netti per 163 milioni (+57% m/m) sia le gestioni individuali mobiliari (Gpm) per le quali si registra la prevalenza delle sottoscrizioni per 287 milioni (+36,8% m/m). I versamenti netti sul comparto assicurativo/previdenziale risultano pari a 462 milioni di euro (31 milioni ad ottobre) e si concentrano sulle unit linked (448 milioni).

Nel mese di novembre, il contributo al sistema degli Oicr aperti, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, è positivo per 1,2 miliardi di euro e compensa le uscite registrate, nel loro insieme, dagli altri canali di distribuzione, portando così in positivo il bilancio mensile dell’intero sistema fondi (231 milioni). Medesima dinamica da inizio anno: l’apporto delle Reti si attesta a 11,6 miliardi a fronte degli 8,2 miliardi giunti all’industria degli Oicr aperti.

Marco Tofanelli, Segretario Generale dell’Associazione: “Nelle attuali condizioni dei mercati finanziari emerge il dato di un’industria capace di prestare consulenza personalizzata ed evoluta a segmenti diversi di clientela con obiettivi differenti; se da un lato è evidente l’attenzione ai titoli di debito pubblico, che coglie anche finestre temporali di posizionamento più prudente, dall’altro si assiste ad una buona ripresa dei prodotti del risparmio gestito, maggiormente utilizzati nel processo di diversificazione del portafoglio di quei clienti che intendono cogliere opportunità in un’ottica di medio-lungo periodo”.

Scarica il Report

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Covivio: ricavi in crescita nel 2023 (Video)   Leg