Ultime notizie

13 Ottobre 2022

Azimut Direct: Q3 2022, emessi 65 minibond per 433 mln (Report)

di E.I.

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

Il mercato italiano dei minibond anche nel terzo trimestre 2022 risulta in forte crescita. Secondo le informazioni disponibili a oggi, nel corso del trimestre sono stati emessi 65 minibond, per un controvalore pari a 433 milioni di euro. Sono i dati che emergono dall’ultima edizione del Barometro Minibond, report curato da Azimut Direct.

Anche per questo trimestre la quasi totalità dei minibond (62 emissioni) è stata collocata privatamente. Gli unici 3 minibond quotati sul segmento ExtraMOT Pro3 di Borsa Italiana sono parte di un programma basket bond strutturato da Banca Sella. 

Nel corso di questi primi nove mesi del 2022 si registrano 183 emissioni, per un controvalore che sfiora 1,2 miliardi di euro. Il 2022 si appresta quindi a essere un anno da record per il mercato italiano dei minibond: nei primi nove mesi del 2021 le emissioni furono 155, per un controvalore di circa 880 milioni di euro. Se consideriamo che storicamente il quarto trimestre è quello caratterizzato dal maggior numero di emissioni (oltre 80 in ciascuno degli ultimi 3 anni) e controvalore, l’obiettivo dei 250 strumenti emessi per un totale di 1,5 miliardi di euro ci sembra facilmente raggiungibile in questo 2022.

Altro ambito in cui il 2022 sta registrando risultati record è quello relativo ai green bond, obbligazioni utilizzate per finanziare progetti sostenibili. Nel 2022 si registrano infatti 41 emissioni, per un controvalore pari a 200 milioni di euro, numeri già superiori a quanto registrato in tutto il 2021 (rispettivamente 25 emissioni per 171,6 milioni di euro).

Il mercato italiano dei minibond, nonostante il contesto macroeconomico meno ottimista e caratterizzato da alcune turbolenze, secondo Azimut Direct sta viaggiando a ritmi elevati e si appresta a superare i record di numero di emissioni e controvalore stabiliti negli anni precedenti. Il lancio di due nuovi programmi di basket bond per complessivi 400 milioni di euro confermano inoltre l’interesse che gli investitori istituzionali hanno nei confronti dello strumento.

Francesca Bartoli, responsabile analisi economiche Azimut Direct: "Come Azimut Direct crediamo nel continuo sviluppo del mercato dei minibond. Azimut Direct è infatti la piattaforma fintech per l’economia reale nata per soddisfare i bisogni di finanza straordinaria delle imprese italiane attraverso strumenti alternativi come, appunto, i minibond. Il focus sull’economia reale e sul finanziamento delle PMI è uno dei punti focali della strategia di Azimut, aspetto su cui il Gruppo è già all’avanguardia da diversi anni: i numeri del gruppo a settembre 2022 indicano che il segmento Private Markets ha superato quota 6,3 miliardi di euro, con un incremento del 39% dall’inizio dell’anno”.

Scarica il Report

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:   Student Housing: accordo per 800 nuovi

Notizie Correlate