Ultime notizie

19 Luglio 2023

Halldis, affitti brevi: nel 2023 prenotazioni +73%

di E.I.

Condividi:
Facebook
Linkedin
Twitter
Whatsapp
16x9
Angle Left
Angle Right
ADV 970x90

L'estate conferma la tendenza positiva registrata nel settore degli affitti brevi nella prima parte dell'anno. Rispetto al 2022, il 2023 mostra incrementi del 73% delle prenotazioni e del 70% delle notti occupate.

Nel 2022, sia le prenotazioni sia le notti occupate hanno superato di oltre il 300% quelle del 2021, anno che ha risentito di forti limitazioni negli spostamenti a causa della pandemia. Questi dati emergono dal quadro diffuso da Halldis, che ha analizzato i dati relativi a 1.200 proprietà tra appartamenti, palazzi e ville, in più di 120 località italiane ed europee, dalle città alle principali località di mare, montagna, laghi e campagna.

Gli italiani rappresentano il 31,5% degli arrivi, mentre il resto è diviso tra persone provenienti da altre nazioni europee, che rappresentano oltre il 52%, dall'America del Nord per il 7% e da altri Paesi per il restante 9,5%. È in calo il numero di turisti che giungono dall'Asia e dal Sud America, quasi azzerati quelli provenienti dalla Russia e dalla Ucraina. 

Mentre nella prima parte dell'anno i flussi si sono concentrati sulle grandi città come Roma, con il 21% degli arrivi, Milano (12%), Firenze (10%) e Venezia (8%), durante l'estate le mete di vacanza classiche pesano per il 30% degli arrivi, mentre la montagna rappresenta l'18%, i laghi e la campagna il 12%. 

A cambiare negli anni, non è la durata media della prenotazione, che risulta pari a otto/nove giorni, ma la disponibilità economica. Se nel 2021 il valore medio di una prenotazione è stato di 976 euro con un costo giornaliero di 121 euro, nel 2022 il primo sale a 1.286 e il secondo a 145 euro, nel 2023 rispettivamente a 1.516 e 180 euro, con un aumento del 24% rispetto al 2022.

Vincenzo Cella, General Manager Halldis: “Gli affitti brevi si confermano trainanti, oltre che per la prima parte dell’anno, anche per questa estate. In Italia, secondo una nostra elaborazione su dati Istat e Scenari immobiliari, questo settore riguarda circa 600.000 immobili per un valore, a parere dell’Osservatorio Digitale Politecnico Milano, di circa tre miliardi di euro. Il mercato apprezza i property manager (operatori professionali, ndr) come noi, che gestiscono per conto terzi il prodotto casa, pari a circa il 25% del totale di quelle destinate agli affitti brevi, perché garantiscono privacy, qualità dei servizi, gestione innovativa del pricing e operazioni di promozione e marketing del prodotto, oltre che naturalmente un reddito per i proprietari. Ben venga in questo senso la proposta di regolamentazione del settore, che deve essere condivisa e portare vantaggi a tutte le parti in causa”.

Michele Diamantini, CEO Halldis: “Nel corso del 2022 secondo i dati di Scenari immobiliari, il turismo internazionale globale ha recuperato il 66% dei livelli pre-pandemici: a fine anno il numero dei turisti che hanno viaggiato all’estero è arrivato a 960 milioni, più del doppio del 2021 anche se ancora il 34% in meno rispetto al 2019. L’Europa, la più grande area di destinazione, ha registrato 585 milioni di arrivi raggiungendo quasi l’80% delle condizioni precedenti la pandemia. I nostri dati dimostrano che, nonostante il Covid, la guerra in Ucraina e la congiuntura economica, la gente continua a desiderare di viaggiare e torneremo presto ai livelli del 2019.  Gli affitti brevi faranno sempre più la loro parte se avranno un approccio innovativo e i fondi e gli operatori finanziari, focalizzati prevalentemente sul comparto alberghiero, continueranno a spostarsi, come sta avvenendo, anche sugli investimenti residenziali. Si tratta di operazioni lunghe, ma, fra due o tre anni, arriveranno sul mercato prodotti d’alta gamma, professionali e con servizi”.

Si parla di:

7x10

È online il nuovo numero di REview. Questa settimana:     Demanio; entro il 2026 invest